Realtà virtuale immersiva per la pubblicità

Impatto della realtà virtuale immersiva sulla pubblicità

La realtà virtuale immersiva è ancora in forma embrionale ma una cosa è certa: il grande pubblico la sta già osservando con molto interesse. Basti pensare, ad esempio, che su Google le ricerche proprio in merito alla realtà virtuale immersiva si sono letteralmente quadruplicate negli ultimi dodici mesi.
Ma cosa succederà nel prossimo periodo? Quale sarà il futuro della pubblicità e dei brand nell’era della realtà virtuale? Se anche tu sei alle prese con simili interrogativi, sei nel posto giusto.
.

La pubblicità all’epoca della realtà virtuale immersiva

La realtà virtuale immersiva sta sempre di più diventando alla portata di tutti, ma fino a pochissimo tempo fa si trattava di qualcosa che poteva essere visto solo nei film di fantascienza. In buona sostanza, siamo alle prese con un cambiamento tanto repentino quanto importante. Ad aver agevolato questa evoluzione sono stati, senza alcun dubbio, i dispositivi cosiddetti mobili.

.

Con un semplice video su YouTube, ad esempio, si ha la possibilità di essere catapultati nella realtà virtuale in pochissimi secondi. Ovviamente, a mutare drasticamente le nostre abitudini oltre che le nostre vite è proprio la tecnologia. Di sicuro, molti cambiamenti dovranno ancora arrivare ed il mondo della pubblicità ne sarà uno dei protagonisti.

Le nuove frontiere dei brand

Fino a non molto tempo fa, la narrazione perfetta era rappresentata dai film. Oggi, guardare un film può trasformarsi in un’esperienza decisamente immersiva grazie alla quale si ha la sensazione di essere letteralmente immersi nella pellicola. La medesima cosa vale anche per gli eventi che si potranno non solo vedere ma anche vivere in diretta, restando comodamente seduti sul proprio divano.

.

Insomma, la realtà virtuale immersiva sta inesorabilmente trasformano il nostro modo di vivere dimensioni ancora del tutto inesplorate. La pubblicità, quindi, non potrà fare altro che adeguarsi.

.

I contenuti dovranno essere sempre più coinvolgenti e dovranno offrire la possibilità agli spettatori di sentirsi parte integrante di una campagna o, molto più semplicemente, di uno spot. In questo modo, il messaggio potrà risultare molto più incisivo oltre che efficace.

Emozioni e coinvolgimento

Ai tempi della realtà virtuale immersiva, lo spartiacque tra ciò che è vero e ciò che, invece, non lo è davvero molto difficile da individuare. La pubblicità, quindi, dovrà riuscire ad inserirsi nelle maglie di questo meccanismo al fine di generare contenuti capaci di far provare emozioni forti agli spettatori.

.

La realtà virtuale, poi, potrà rappresentare a tutti gli effetti un vero e proprio valore aggiunto. Fare shopping su internet, ad esempio, non sarà più un problema. Per capire se un capo d’abbigliamento è della taglia giusta, infatti, basteranno solo alcuni click.

.

Addirittura, sarà possibile scoprire nei minimi dettagli auto di lusso e fuori-serie. Insomma, la pubblicità non ha altre alternative se vuole davvero restare al passo con i tempi e se, soprattutto, ha la volontà di fidelizzare i clienti e di renderli partecipi di un acquisto che diventerà sempre più coinvolgente sotto ogni punto di vista.

Sogno o realtà?

Il cinema hollywoodiano in più di un’occasione ha portato sul grande schermo la realtà virtuale. Da Matrix ad Inception, infatti, sono stati molti i film che hanno tentato di spiegare il confine che c’è tra la realtà ed il mondo virtuale.

.

Indipendentemente da ciò, è innegabile il fatto che la realtà virtuale si sta sempre di più affermando e che, dunque, si tratta di un processo incontrovertibile. Con un semplice cellulare, ad esempio, si ha la possibilità di fare il giro del mondo in pochissimi secondi. Ad oggi, sono molte le aziende che hanno deciso di optare per una pubblicità in grado di abbattere le barriere della realtà.

.

Tra queste c’è la Disney che ha invitato tutti coloro che si trovavano a Times Square a recarsi in un preciso punto della piazza dalla quale potevano essere ripresi in compagnia di Topolino e di altri personaggi della Disney molto famosi.

Le medesime tecniche pubblicitarie potrebbero essere applicate, poi, al turismo o al commercio al dettaglio. In buona sostanza, non siamo che all’inizio di una rivoluzione che farà epoca nel mondo della pubblicità e, più in generale, della comunicazione.

.

Non resta che attendere, quindi? Le premesse sono ottime e lasciano ben sperare per il futuro. I pubblicitari del futuro, pertanto, avranno un bel da fare per riuscire ad andare alla velocità di una realtà virtuale sempre un passo in avanti.

 

 

.

Condividi queste informazioni

 

Condividi queste informazioni