Personal Branding, l’arte di promuovere sé stessi come un’azienda

By | luglio 6, 2015

personal branding

Se hai un’attività in proprio o svolgi un servizio che può essere, per esempio, la scrittura freelance, il graphic design, o qualsiasi cosa che abbia bisogno di un servizio di promozione personale, necessiterai anche di ciò che viene comunemente chiamato: Personal Branding.

Cosa significa Personal Branding?

Questo termine prende spunto dalla lingua inglese, anche se letteralmente significherebbe “Marchio personale”, non va a puntare al marchio ma quanto all’abilità dell’imprenditore di commercializzare la propria immagine e trasmetterne un’opinione vincente e desiderata. Per quanto possa sembrare semplice e banale, si tratta in realtà di un’attività che richiede una grande precisione ed una mente imprenditoriale da non sottovalutare.

Sebbene ci siano persone a cui viene naturale, personaggi in grado di vendersi senza alcun problema, ci sono anche uomini e donne che sono in grado di realizzare un servizio a cinque stelle, ma che purtroppo sono carenti dal punto di vista del Personal Branding. Questo articolo è nato proprio per illustrare a questa tipologia di persone alcuni modi per avere più successo nella propria attività.

Personal Branding, di cosa si tratta?

Con Personal Branding, intendo soprattutto la ragione per cui un datore di lavoro sceglie di lavorare proprio con te, il motivo che ti distingue dagli altri e porta una persona in cerca di un servizio a pensare che proprio tu sia il migliore in grado di offrirlo. Si tratta di un procedimento lungo e complicato, ma con lavoro e passione per il tuo servizio riuscirai ad ottenere quello che speri.

Primo passo nel Personal Branding.

Un ottimo primo passo può essere cercare di capire che reputazione si ha al momento in cui si inizia, si può verificare semplicemente eseguendo una ricerca su Google, cercando il proprio nome completo o il proprio brand e focalizzandosi sui primi risultati, che sono quelli che un potenziale cliente andrà sicuramente a visitare.

L’immagine e la reputazione sono due solide basi su cui un Brand (marchio) personale deve basarsi, cerca di evitare cattive pubblicità, perché una legge del Marketing dichiara che quando offri un ottimo servizio, puoi aspettarti che il tuo cliente ne parli con un numero di persone che va da uno a tre, ma quando esegui un cattivo servizio o si sparge una cattiva voce sul conto della tua compagnia, il numero sale a dieci e si ferma difficilmente.

Gli esseri umani sono naturalmente attratti dalle cattive notizie. Ricorda, in secondo luogo, che l’onestà è una delle caratteristiche che paga di più in questo genere di Marketing, se sei il Brand con più etica fra tutti, è molto facile che un datore di lavoro scelga proprio te!

Cerca di essere una persona fidata per chi ti assume e avrai ripagato tutto il tuo impegno. Impegnati, tenta di diventare un esperto e di porti come tale agli occhi del cliente, sii avido di conoscenza e non smettere mai di imparare nuove sfumature della tua professione.

Ogni giorno il mondo prosegue e vengono scoperte nuove cose, cose che possono rendere obsoleto quello che oggi è al passo con i tempi. Un grafico per esempio, avrà da informarsi sulle ultime edizioni di Photoshop e sul mondo del ritocco, oltre che gli stili utilizzati nel suo periodo d’attività, un parrucchiere dovrà conoscere i tagli e le tecniche della stagione, uno scrittore dovrà essere consapevole della società in cui vive, in modo da produrre testi adatti al pubblico.

Ogni attività in cui si lavora per sé stessi necessità di una meticolosa attività di aggiornamento. Ricorda inoltre che i tuoi lavori, per diventare qualcosa di realmente richiesto dal pubblico, dovranno avere uno stile del tutto unico e personale, la tua consegna dovrà essere realmente tua, così che qualcuno possa davvero sentire il bisogno di qualcosa prodotto con il tuo stile e la tua personalità.

Comunicazione nel Personal Branding

Il secondo punto fondamentale per la costruzione di un Brand efficace è l’abilità di comunicare in modo chiaro ed aperto con il proprio cliente, se un professionista riesce a cogliere il succo e l’esigenza del cliente, è molto facile che venga assunto per altri lavori e suggerito a colleghi ed altri professionisti.

Cerca di porti in modo amichevole con il tuo cliente e ricorda che è meglio fare domande che non capire la richiesta del cliente in modo esatto. Puoi dare un’impressione aperta gestendo un sito web od un blog che faccia sentire i tuoi clienti più vicini a te, mentre nel contempo costruisci con loro un rapporto amichevole e di comprensione che porta alla fidelizzazione ed alle buone recensioni da parte degli usufruenti del tuo servizio.

Cerca di costruire rapporti personali imparando i nomi di clienti e colleghi e ponendoti con loro nel migliore dei modi, ricorda che è sempre bello costruire rapporti e che questo aiuta anche la sfera lavorativa, è molto importante che tu costruisca legami ed alleanze.

Ricorda di interagire anche con i colleghi, commenta i loro articoli, cerca di essere in contatto con i più talentuosi attraverso i social media, apprendendo da loro e cercando, in caso abbiano un blog, di fare qualche Guest Post (In questo caso dovrà essere fra i tuoi lavori migliori) ed aiutali quando ne hanno bisogno, devi essere felice di farlo e consapevole che non stai usando delle persone, stai semplicemente ponendo la prima pietra per un solido rapporto fra professionisti.

Questo ti permetterà in futuro di raggiungere il doppio delle visualizzazioni, o forse più, dato che avrai consolidato delle forti alleanze e collaborazioni. Ricorda di non essere pedante e non chiedere più favori di quanti ne fai, mantieni il rapporto quasi alla pari, non eccedere nelle richieste.

Ricorda che i commenti nei blog non sono nati per le risposte, se hai bisogno di porre una domanda diretta ad un collega che desideri attirare, utilizza una mail oppure Twitter. La pazienza è una cosa fondamentale per questo, è un processo a lungo termine.

Cerca inoltre di includere foto professionali, in alta definizione e che ispirino fiducia sul tuo profilo, è ancora meglio inserire video in cui spieghi il tuo lavoro, ricorda che far sentire i clienti come amici è il punto focale per il successo.

Promuovi te stesso con il Personal Branding

Il terzo punto riguarda la promozione di noi stessi, se hai ascoltato i miei consigli nei primi punti, sei ora arrivato al momento in cui sei professionalmente “perfetto” (o quasi), ma hai bisogno di trovare i primi clienti e di raggiungere un ampio numero di persone con il tuo servizio.

Il primo passo consiste sicuramente nella creazione di un sito web personale, ricordando di includere foto ed una biografia personale che spieghi al cliente i tuoi servizi e le tue referenze, che ispiri un datore di lavoro ad assumerti, cerca di farla leggere ai tuoi amici.

Ricorda che sei un professionista, non importa se non hai mai avuto un cliente con il tuo Personal Branding, nel momento in cui inizi questa attività devi tener conto che stai esercitando una professione, questa è l’immagine che devi dare nel tuo sito web, cerca di risultare attraente.

Ricorda che nell’epoca odierna il cavallo di battaglia del Personal Branding è il Social Network, questo genere di portale ha permesso a questo genere di attività di spopolare, in quanto l’immagine aumenta le visualizzazioni, che permettono di avere un’influenza ed una vendita maggiore, cerca di essere attivo sui Social Media e di dare un’immagine invidiabile e desiderabile, in linea con i concetti della società di oggi, in questo modo riuscirai a vendere il tuo servizio ed essere più conosciuto in molte fasce d’età, ricorda inoltre che Facebook offre un tracciamento molto efficace dell’attività su una pagina, questo può esserti d’aiuto sotto al punto di vista Marketing.

Il successo a lungo tempo con il Personal Branding.

Ora il tuo Personal Branding ha tutto ciò di cui hai bisogno, un serio professionista, i modi giusti per attirare il cliente ed un sito web, blog e pagina su Social Media che supportano la tesi con testimonianze ed articoli ben scritti, i primi clienti staranno arrivando e con le tue doti da professionista sei in grado di ricevere buone recensioni, ora ti manca soltanto una cosa: portare la tua attività ad un successo a lungo termine.

È un procedimento molto semplice da seguire e che con il tempo verrà quasi naturale, non dovrai più nemmeno pensare a quello che fai, dedica i tuoi primi mesi a creare i tuoi contenuti, di qualsiasi cosa ti occupi, personalizza sempre più il contenuto creando servizi difficili da trovare, che altri professionisti faticano ad offrire, migliorandoti sempre di più nell’eseguirli.

Cerca inoltre di essere un professionista in grado di evolversi, impegnati nel portare cambiamento e dinamicità nel tuo settore, diventa un marchio che conta e che innova, non restare fermo, dai al tuo cliente un motivo in più per testarlo, ogni giorno.

Ricorda sempre che un’occasione di parlare in pubblico non andrebbe mai persa, puoi tenere conferenze ed informare la gente riguardo al tuo lavoro, cerca di porti come un personaggio il cui lavoro deve essere preso sul serio e come un professionista di cui fidarsi senza pentirsene.

Ricorda di far sentire le persone parte del tuo successo, menzionandole e chiedendo loro opinioni. Come ultima indicazione, ricorda di tenere il tuo marchio sempre fresco, non cadere nella monotonia, lancia nuovi progetti, sperimenta nuovi stili e fai sempre parlare di te in modo positivo, cercando di farti menzionare come un Brand che ha sempre una nuova idea in testa ed una nuova sfida da affrontare!

One thought on “Personal Branding, l’arte di promuovere sé stessi come un’azienda

  1. Pingback: Come Volkswagen può restaurare il suo brand? - Michele Liuzzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × due =