Youtube vs Televisione. Quello della pubblicità è un settore molto complesso che merita non poca attenzione. Sei alle prese con una campagna pubblicitaria e non sai se investire il tuo denaro in una campagna pubblicitaria si YouTube piuttosto che in televisione? Niente paura. Proprio questo, infatti, è uno dei dubbi che più affliggono le aziende ai tempi di internet. Cerchiamo, dunque, di fare chiarezza.

Televisione e YouTube: le differenze

Per prima cosa, è necessario fare presente che la televisione non è null’altro che la vastità della disinformazione (al 90%) nella quale ci imbattiamo tutti i giorni per svariati motivi come, ad esempio, vedere il nostro programma preferito, seguire la squadra del cuore, guardare la serie tv che fa impazzire, oppure semplicemente per vedere il meteo. In buona sostanza, si tratta di uno strumento che, pur essendo decisamente dispersivo e vecchio, ha comunque un impatto mediatico non indifferente per la maggioranza del popolo e quindi per la classe medio-bassa.

YouTube, invece, è un canale attraverso il quale si ha la possibilità di riprodurre video di qualsiasi tipologia. Disponibile anche in versione mobile, YouTube è utilizzato ogni giorno da milioni di utenti in ogni parte del mondo. Ovviamente, la scelta tra una pubblicità in Televisione e una su YouTube, è una scelta che è necessario fare. In linea di massima, comunque, tutto dipende molto dall’azienda o dal servizio che si intende pubblicizzare.

In alcuni casi, infatti, la televisione è la soluzione più adatta (prodotto di massa). YouTube, comunque, al momento si trova sul gradino più alto dei canali attraverso i quali fare pubblicità.

La pubblicità su YouTube

Ciò che conta in pubblicità è far arrivare il messaggio a destinazione. Come è facile immaginare, moltissimo dipende dal mezzo che si decide di utilizzare per veicolare tale messaggio. Non sempre, infatti, tutti i mezzi sono idonei. YouTube, invece, sembra avere tutte le carte in regola per farsi portatore di ogni genere di messaggio. Ti è mai capitato di guardare un video e di vedere le pubblicità in sovrimpressione?

Ecco, questo è solo uno dei modi in cui si può fare pubblicità su YouTube. L’alternativa sono gli spot prima dell’inizio dei video che, però, come è facile immaginare, sono più costosi e, pertanto, riservati alle aziende più rinomate. Di sicuro, questi ultimi sono molto funzionali. In alcuni casi, infatti, si ha la possibilità di vedere i primi 5 secondi di spot per poi passare al video.

In altri, invece, si è costretti a vedere per intero la pubblicità prima di poter passare al video. Quale miglior modo per passare un messaggio se non quello di farlo arrivare proprio nel momento di massima concentrazione ovvero quando si sta per guardare un video musicale o la clip di un film?

La filosofia che sta alla base della pubblicità su YouTube è proprio questa: l’azione di guardare un video comporta concentrazione ed attenzione e, pertanto, è il momento ideale per instillare nella mente dei consumatori messaggi neanche troppo subliminali.

Targetizzazione

Ovviamente, anche su YouTube è quanto mai necessaria la targetizzazione. In questo caso, però, tutto risulta essere molto più semplice. Basta tenere conto dei gusti musicali, infatti, per capire non solo l’età ma anche molti altri dettagli dei consumatori. In buona sostanza, su YouTube gran parte del lavoro lo fai proprio tu quando decidi di ascoltare un brano piuttosto che un altro.

Hai mai fatto caso, poi, alle pubblicità che appaiono in sovrimpressione quando stai guardando in video? A differenza delle precedenti, esse sono figlie dei cosiddetti cookies ovvero meccanismi attraverso i quali la rete ha la possibilità di immagazzinare le tue preferenze e di riproportele sotto forma di pubblicità.

Ma perché preferire YouTube alla Televisione, dunque? In termini molto pratici, la televisione offre la possibilità di soffermarsi molto meno sulla pubblicità. In alcuni casi, infatti, basta cambiare canale oppure fare altro per farla sparire e per non soffermarcisi affatto.

Con YouTube il meccanismo è molto diverso e, tra le altre cose, la pubblicità fa leva su un momento di massima empatia con l’ascoltatore/potenziale consumatore. Ascoltare della buona musica e vedere una pubblicità ben precisa potrebbe far scattare un’associazione di idee decisamente proficua per le aziende…come sanno bene i Millennials.

A questo punto, è quanto mai chiara la differenza tra le pubblicità su YouTube e quelle in Televisione. Non ti resta altro da fare che constatare tu stesso con il tuo investimento e ricorda che la Televisione è uno strumento di massa che ha costi altissimi, Youtube è uno strumento chirurgico con costi ridotti. A te la scelta.

.

 

Categorie: Marketing

0 commenti su “Meglio fare pubblicità su Youtube che in televisione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − dieci =

Iscriviti per commentare


Articoli correlati

Marketing

Instant marketing, la nuova frontiera della comunicazione

Le nuove tecnologie stanno sempre di più prendendo il sopravvento e le aziende non possono fare altro che omologarsi e tentare di restare al passo con i tempi. Ma come fare? Di sicuro, avrai sentito Leggi tutto&ellip;

Marketing

Che cosa significa branding?

Analizzando la parola da un punto di vista prettamente linguistico, è possibile definire il branding come l’ “azione del marchiare“, di apporre uno specifico marchio ad un prodotto. Andando, invece, più a fondo e analizzando Leggi tutto&ellip;

Marketing

Real time marketing

Hai sentito parlare di real time marketing ma non sai esattamente cosa significhi? Allora sei nel posto giusto. Come è facile intuire, quando si parla di real time marketing si fa riferimento alla capacità di Leggi tutto&ellip;