Marketing definizione di un termine in continua evoluzione

Marketing definizione di un termine in continua evoluzione

Cos’è il marketing? Il marketing è quella disciplina che serve a identificare i bisogni del clienti, creare uno o più prodotti che servano a soddisfarli e ideare le strategie di comunicazione che servano a spingere il consumatore non solo all’acquisto ma anche alla fidelizzazione. Obiettivo del marketing, dunque, è quello della remunerazione del capitale iniziale investito dall’azienda attraverso la creazione di prodotti che siano graditi al mercato e che aiutino a creare una brand identity ben precisa e riconoscibile.

Il padre del marketing è storicamente identificato in Philip Kotler, autore di quel marketing Management che da sempre è la guida di chi si approccia per la prima volta alla disciplina. E’ a lui che si deve la suddivisione del marketing in tre aree diverse che sono:

marketing analitico: si occupa dell’analisi, un momento fondamentale in quanto sarà poi in base ai dati raccolti in fase analitica (analisi delle concorrenza, del target di riferimento, del mercato, etc) che verranno elaborate le strategie operative;

marketing strategico: è la parte nella quale si definiscono le strategie che, successivamente, concorreranno non solo alle vendite ma anche e soprattutto alla fidelizzazione del cliente;

marketing operativo: è la parte più pratica del marketing e si basa sulle quattro P che sono il prodotto, il prezzo, la promozione e il punto vendita inteso non solo come organizzazione della rete ma anche come gestione degli store, visual marketing e merchandising.

Come funziona questo marketing?

Lo strumento principale del marketing è il piano di marketing. E’ da questo documento, infatti, che si parte per riuscire ad arrivare all’obiettivo di remunerare il capitale iniziale.

Come viene realizzato un piano di marketing? In realtà in modo molto più semplice da quello che si potrebbe pensare. Si parte, infatti, da quella che è la suddivisione pensata da Kotler che distingue la fase analitica da quella strategica e da quella operativa.

Nella parte analitica rientrano tutte quelle analisi che ci occorrono per capire qual è il nostro punto di partenza. Comprende innanzitutto l’analisi del nostro prodotto che viene effettuata attraverso un’azione che si chiama scomposizione in caratteristiche e che ci serve a capire quali sono i nostro punti di forza e quali quelli di debolezza. Si deve, poi, procedere all’analisi del nostro target di riferimento ossia chi sono e cosa vogliono quelli che potenzialmente potrebbero acquistare il nostro prodotto. E’ una fase molto importante in quanto si tratta di comprendere quali sono le abitudini del nostro target di riferimento per pianificare anche le più corrette strategie di comunicazione. Infine, non va mai tralasciata l’analisi della concorrenza che deve essere il nostro costante punto di riferimento per impedirle di “rubarci” clienti, potenziali o reali.

In base ai dati raccolti nella fase analitica si passa poi a quella strategica che occorre per pianificare le azioni più corrette da porre in essere per riuscire a catturare l’attenzione e la benevolenza del cliente. Infine, nella parte operativa viene dettagliato nei particolari ciò che si è stabilito in fase di strategia, insistendo molto sulle eventuali modifiche delle caratteristiche del prodotto e il suo packaging, la comunicazione con la quale vogliamo far conoscere l’azienda e i suoi prodotti al nostro target di riferimento, la distribuzione che pensiamo di effettuare, etc.

Perché il marketing è indispensabile oggi in un’azienda?

Il marketing è fondamentale all’interno di un’azienda che opera sul mercato attuale perché una sua corretta e scrupolosa attuazione riduce il margine di errore e permette di conquistare il cliente. Il momento storico che stiamo affrontando, infatti, viene definito dagli esperti di settore “mercato saturo”: ciò vuol dire che difficilmente esiste un prodotto che viene acquistato per la prima volta. “Tutti hanno già tutto” e i prodotti che vengono venduti sono sono quasi sempre per sostituire quelli precedenti, ormai vecchi o rotti.

In questa situazione, e con una concorrenza ormai spietata e caratterizzata da molti soggetti che producono gli stessi beni, è difficile riuscire a fidelizzare un cliente. Il marketing, dunque, colma proprio questo gap in quanto aiuta ad individuare il prodotto giusto, al giusto prezzo che verrà comunicato nel modo più efficace al target di riferimento specifico.

Il Marketing è vendita

Ti tolgo ogni dubbio e ti comunico che per me il marketing e la vendita sono e devono necessariamente essere, la stessa cosa. Esistono migliaia di definizioni di Marketing ma secondo me la più corretta definizione nel momento storico in cui ci troviamo, è questa:

“Il Marketing è l’insieme di strategie e tecniche che servono per vendere un prodotto o servizio”. 

Marketing definizione semplice, molto lineare e soprattutto, molto pratica. Oggi, in questo nuovo scenario in cui ci troviamo (con internet e nuovi modi di comunicare), è facile comprendere che il marketing non è più immagine, non è più comunicazione divertente, non è più battute durante uno spot. Il marketing è diventato il veicolo per comunicare al pubblico il beneficio che offre il tuo prodotto.

Quindi il marketing è vendita pura. Tutta la comunicazione che oggi non è orientata alla vendita, non è marketing e non serve a nulla a meno che non dobbiamo fare azioni di branding, altrimenti…serve solo a far buttare via i soldi.

.

Condividi queste informazioni
Condividi queste informazioni