Guida Asian Handicap: come utilizzarli bene

Guida Asian Handicap

Se sei un appassionato di scommesse, senza alcun dubbio ti sarà capitato almeno una volta nella vita di sentir parlare degli Asian Handicap (wikipedia docet).

Ma di che cosa si parla con precisione quando si fa riferimento agli Asian Handicap?

Prima di scendere più nel dettaglio, è interessante tenere conto del fatto che essi sono particolarmente vantaggiosi soprattutto per il fatto che sono decisamente meno rischiosi delle scommesse tradizionali.

A differenza di queste ultime, infatti, non si deve scommettere tenendo conto di vittorie o pareggi ma delle cosiddette coperture e delle non coperture di un determinato Handicap di un team.

Inoltre, è necessario tenere conto del fatto che un Asian Handicap viene determinato da due diverse componenti: la money line e l’handicap line. Ma vediamo di scendere più nel dettaglio e di scoprire come funziona l’Asian Handicap e quali sono le strategie per poter vincere.

come funziona l’handicap asiatico?

Come già detto, l’Asian Handicap, pur essendo poco conosciuto, è uno degli strumenti grazie ai quali scommettere più sicuri. Dal nome della tipologia di scommesse, è facile intuire che questa modalità di scommesse è stata introdotta dai bookmaker asiatici.

Questo metodo permette di ridurre al massimo i risultati possibili che da 3 diventano automaticamente 2. In buona sostanza, viene drasticamente eliminato il pareggio. A questo punto, però, per riuscire a comprendere meglio il funzionamento di queste scommesse è necessario fare qualche esempio pratico.

Poniamo di puntare sulla partita Lazio-Inter, sull’Asian +0.5 Lazio. Questo significa alla Lazio verrebbe aggiunto un vantaggio di 0,5 reti. In pratica, nel caso in cui la Lazio dovesse vincere il match la scommessa verrebbe vinta godendo di tale vantaggio.

Medesimo discorso vale in caso di pareggio. Essendoci un vantaggio di 0,5, a vincere sarebbe comunque lo scommettitore che ha puntato sulla Lazio.

Ciò vale anche al contrario. All’ Inter verrà attribuito di default un -0,5. In buona sostanza, significa che l’Inter dovrà fare i conti con una rete di svantaggio. In ogni caso, è opportuno tenere conto del fatto che possono essere anche attribuiti importi diversi. Indipendentemente dall’importo, l’unica cosa da fare è calcolare la vincita in base alla differenza delle reti.

Quali altri Asian Handicap ci sono?

Ma cosa succederebbe se ci si trovasse alle prese con un Asian Handicap +1 o -1 o +2 o -2?

Nel caso del +1, alla squadra che gioca in casa verrebbe attribuito un gol di vantaggio. In pratica, se la squadra in trasferta dovesse vincere anche solo con 2 gol di scarto si perderebbe. Se, invece, il gol di scarto fosse solo uno, si potrebbe godere del rimborso della puntata. In caso di pareggio, invece, la scommessa sarebbe comunque vinta. Come nel caso precedente, i medesimi parametri devono essere applicati anche alle squadre che giocano in trasferta. Per aumentare le eventuali vincite non si dovrà fare altro che lavorare sull’Handicap tenendo conto ancora una volta della differenza reti.

Discorso a parte deve essere effettuato per il “quarter ball” ovvero i “quarti di asian handicap”. Questa tipologia di scommesse è un po’ più difficile rispetto alle precedenti anche se basterà fare un rapido esempio pratico per riuscire a comprenderne il funzionamento.

Prendiamo per esempio l’Asian Handicap -0.25. In questo caso, se la partita finisce in parità, la scommessa sarà letteralmente divisa in due. La prima metà verrà considerata come la parte perdente (perché la squadra su cui hai scommesso non ha  vinto). La seconda metà, invece, sarà rimborsata.

Dopo questi esempi, è più facile capire il motivo per il quale gli Asian Handicap vengano considerati un’arma perfetta nelle mani degli scommettitori che sono in grado di riconoscere le cosiddette value bet. Grazie ad essi, infatti, si ha la possibilità di modulare le proprie quote e, di conseguenza, di ridurre al minimo i rischi.

Value bet e Asian Handicap SPIEGAZIONE

A questo punto, nel tentativo di cercare di essere il più chiari possibili, bisogna assolutamente fare un breve ma importante digressione in merito alle value bet. Quando si parla di value bet si fa riferimento a ciò che ci consente di intuire le probabilità di vincita che abbiamo.

A riguardo, bisogna distinguere tra pronostico e quota. I pronostici non sono altro che le probabilità di vincere. Le quote, invece, sono le cifre che si possono vincere nel caso in cui la partita finisca come da pronostico. La value bet viene effettuata nel momento in cui si ha la consapevolezza che la quota stabilita dai bookmakers è sbagliata. Ciò vuol dire che la quota in questione ha un valore cosiddetto intrinseco.

Inutile sottolineare che la quota deve essere superiore a quella che si ipotizza essere sbagliata. In questa fase del gioco un ruolo chiave viene ricoperto dai giudizi soggettivi. Per tale ragione, è fondamentale mettere a punto un’analisi il più possibile dettagliata grazie alla quale stabilire con precisione se una quota è o meno corretta. Per calcolare una value bet bisogna partire dal presupposto che le quote rappresentano le percentuali di riuscita di determinati eventi. Per riuscire a calcolare la value bet, quindi, basterà convertire tutte le quote in percentuali dividenti 100 per la quota in questione.

Dopo aver fatto questa breve ma utilissima digressione sul tema, torniamo agli Asian Handicap. Un dettaglio che fino ad adesso non abbiamo affrontato è quello relativo alle tipologie di Asian Handicap. Nel betting esistono sia gli Asian Handicap semplici che quelli complessi.

Asian Handicap semplici E handicap asiatico aggiuntivo

Per quanto riguarda gli Asian Handicap semplici, è del tutto superfluo specificare che sono tra quelli più utilizzati poiché, una volta compreso il meccanismo che li regola, sono davvero molto semplici da utilizzare.

Nel caso in cui, ad esempio, alla squadra su cui si è deciso di puntare venisse attribuito -0,5, per vincere la scommessa la squadra deve a sua volta vincere. Ciò molto semplicemente perché basta che ci sia una rete in più della squadra avversaria per riuscire a superare lo zero. In pratica, quando si gioca un Asian Handicap -0,5 non si fa altro che giocarsi il tradizionale risultato cosiddetto secco, 1 fisso per esempio.

Ma cosa succederebbe se l’Asian Handicap fosse +0,5? In questo caso, la squadra su cui si è deciso di puntare partirebbe avvantaggiata poiché è già al di sopra dello zero. In pratica, non gli resta altro da fare che mantenere tale vantaggio e per farlo gli basterà pareggiare. Di contro, una sconfitta seppure con il minimo scarto genererebbe una perdita. Il +0,5, pertanto, è paragonabile o ad una doppia 1X o ad una X2.

Passiamo adesso all’Asian Handicap -1. Questo Asian Handicap fa partire la squadra su cui si è deciso di puntare con un gol netto di svantaggio. Ciò vuol dire che se la squadra in questione dovesse pareggiare o, nel peggiore dei casi, perdere, la scommessa sarebbe comunque persa. Per riuscire a vincere la squadra dovrebbe vincere almeno con 2 reti di scarto. Se la rete di scarto fosse solo una, però, lo scommettitore avrebbe diritto al rimborso della scommessa poiché si tornerebbe comunque a zero.

Con un Asian Handicap +1 la squadra su cui si è deciso di puntare, invece, parte con una rete di vantaggio. Ciò vuol dire che sia che la partita la vinca che finisca in pareggio la scommessa sarà comunque vinta. Per perdere, la squadra su cui si è scommesso dovrebbe perdere il match con almeno due reti di scarto. Se la rete di scarto fosse solo una, lo scommettitore avrebbe diritto al rimborso poiché la partita finirebbe sullo zero.

Discorso a parte deve essere effettuato per gli Asian Handicap pari a 0. In tal casi, al momento della scommessa si risulta in una situazione cosiddetta di rimborso. La vittoria della scommessa può arrivare sia che la squadra vinca che la squadra perda. Ciò vuol dire che in caso di pareggio non si vincerà né, tanto meno, si perderà. Questa particolare condizione viene anche detta DNB ovvero Draw no bet. Da questo punto in poi, sarà decisamente molto facile riuscire a comprendere tutti gli altri Asian Handicap cosiddetti semplici come, ad esempio, -1,5, -3, -4 e così via.

Asian Handicap complessi

In merito ai cosiddetti Asian Handicap complessi (i cosiddetti “quarter ball”) è necessario fare un altro tipo di ragionamento. In primo luogo, è importante comprendere il motivo per cui questa tipologia di Asian Handicap viene detta, appunto, complessa.

In pratica, abbiamo a che fare con Asian Handicap formati da due Asian Handicap semplici che vengono formalmente separati da una virgola. Come è facile immaginare, per riuscire a comprenderli è necessaria una riflessione molto più approfondita. Per approcciarsi agli Asian Handicap nella maniera più corretta possibile bisogna considerare che solo riuscendo a superare l’Asian Handicap più arduo dei due si potrà vincere la scommessa.

Inoltre, bisogna tenere conto del fatto che più il numero diventa piccolo e più l’Asian Handicap è complesso. È opportuno anche precisare che l’Asian Handicap meno difficile da superare riesce a svolgere la sua funzione solo per metà. Anche in questo caso, risultano essere estremamente necessari degli esempi per comprendere bene ciò che si intende quando si parla di Asian Handicap complessi.

Se, ad esempio, l’Asian Handicap fosse -0,5,-1 (ovvero -0.75)sarà necessario per prima cosa individuare quale tra i due è il più complesso. Come è facile intuire, il più complesso è il -1, essendo più basso di -0,5. Poco sopra abbiamo fatto presente che quando l’Asian Handicap è -1 per vincere la quadra deve risultare la vincitrice del match con almeno 2 reti di scarto. Con il -0,5, invece, basterà una rete di scarto.

Ricapitolando quindi, essendo un Asian Handicap complesso, la scommessa potrà dirsi vinta solo ed esclusivamente se la squadra farà almeno due reti di scarto. La vittoria sarebbe solo per metà, invece, nel caso in cui la rete di scarto fosse solo una. Ciò perché una delle due metà viene rimborsata come se in realtà non fosse stata mai giocata.

Le quote degli Asian Handicap possono essere soggette a dropping come qualsiasi altra quota e pertanto ti consiglio di leggere la Guida sulle Dropping Odds.

A questo punto, l’Asian Handicap non ha più segreti e, dunque, non resta altro da fare che provare, tenendo conto di tutti i consigli forniti e ricordandosi di investire sempre responsabilmente.

Qui di seguito una tabella riassuntiva che ho preparato per te. Clicca sull’immagine per vederla più grande.

Asian Handicap Tabella

Asian Handicap

 

 

Scarica la guida gratuita


guadagna con le scommesse

.

Grazie a questa guida imparerai a gestire i tuoi capitali in maniera corretta, scoprirai come funziona il mondo delle scommesse online e riuscirai a creare una rendita di €1.000 al mese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × uno =