Dropping Odds guida completa definitiva

 

Dropping Odds

Se investi da tempo nel mondo del betting avrai sentito sicuramente parlare del fenomeno delle dropping odds e sicuramente avrai già compreso come utilizzarle per una strategia di betting profittevole. Se invece sei un neofita e vuoi avere qualche informazione, allora questo articolo ti può aiutare.

Cosa sono le dropping odds?

Le dropping odds sono quote molte volte inutilmente avvolte da una sorta di mistero nel mondo delle scommesse. Ora ti spiegherò il perché. Partiamo dal significato letterale del termine, “drop” significa “caduta” mentre “odd” vuol dire “quota”. Quindi in senso letterale dropping odds significa proprio caduta delle quote.

Il termine si riferisce alla diminuzione del valore di una quota di una squadra, durante il passare del tempo. Facciamo un esempio chiarificatore. Ipotizziamo che nel prossimo weekend si giocherà la partita Cagliari – Milan e le quote iniziali del Cagliari (circa 5 giorni prima del match) sono intorno a 6.00. Da quel momento in poi, con il passare dei giorni la quota del Cagliari inizia a scendere fino ad arrivare a quota 5.2 a pochi minuti prima dell’inizio del match.

dropping odds quote in caduta

Perché la quota ha subito queste variazioni nel corso dei giorni?

Prima di tutto dobbiamo tenere presente che il bookmaker è una società che ha uno scopo di lucro, ovvero il loro interesse è solo quello di far quadrare i loro conti ed ottenere un profitto! Questo significa che se nel corso dei giorni la quota varia ed in questo caso cade (drop), significa principalmente che molte persone hanno iniziato a scommettere sulla vittoria del Cagliari ed il bookmaker per ristabilire l’ordine economico (pre trarre profitto) deve ribilanciare la quota al ribasso.

Devi pensare che è un po’ come la regola del mercato della domanda e dell’offerta. Se più persone richiedono un determinato bene (in questo caso la quota), significa che il costo di quel bene scende. Molto semplice.

Per definire le quote di un match, i bookmakers hanno i loro analisti che con software avanzati controllano praticamente tutto tra cui punti in classifica delle due squadre, storico, stato di forma, condizione dei giocatori, infortunati, vittorie consecutive, etc… Una volta che hanno controllato tutti questi dati, definiscono la quota che una squadra deve avere per essere messa sul mercato delle scommesse.

Una volta che la quota è pronta per essere presa dagli scommettitori significa che il mercato per quell’incontro è aperto. Da questo momento fino all’inizio della partita passano giorni ed in questi giorni può succedere di tutto.

La squadra favorita può perdere un giocatore chiave per infortunio e quindi la sfavorita può avere un calo di quota perché le probabilità di vittoria salgono, come abbiamo visto prima nell’esempio precedente tra Cagliari e Milan.

Quali sono i fattori che fanno cadere (dropping) la quota del bookmaker?

Sono diversi e alcuni ignoti ma i più conosciuti sono sicuramente i seguenti:

  • infortunio di un giocatore della squadra avversaria
  • rientro di un giocatore chiave che era infortunato nella squadra che ha la dropping odds
  • squalifica non aspettata
  • esito negativo/positivo di un incontro precedente al match in questione ma successivo all’uscita della quota
  • giocatori importanti lasciati fuori rosa (per litigi con l’allenatore) della squadra avversaria
  • etc…

Tendenzialmente quindi visto che i bookmakers sono società a fini di lucro, se la quota cala e quindi si verifica una dropping odds, è perché ha registrato un aumento delle scommesse in favore della squadra in questione, facendo abbassare l’esposizione economica del bookmaker e quindi riducendo la quota.

Ma quindi le quote calano perché aumentano le scommesse in quella direzione?

Si, ma non sempre. A volte potrebbe succedere il contrario ovvero, il bookmaker potrebbe ricevere un’informazione non pubblica e pertanto potrebbe decidere in autonomia di coprirsi ed abbassare la quota senza che abbia ricevuto scommesse in quella direzione.

Come ti dicevo prima i bookmakers sono aziende che hanno lo scopo di produrre profitto (con le tue perdite) e pertanto hanno accesso a molte informazioni e sono in grado di decidere in autonomia cosa fare con la quota posta sul mercato.

E’ difficile, se non impossibile definire se le quote calano perché molti scommettitori investono o per altri motivi ignoti, a noi comunque è importante comprendere che esistono diversi tipi di drop.

Le dropping odds possono essere reali o fittizie.

Le dropping odds reali sono quelle che si verificano quando un’ informazione di un determinato evento è pubblica, come per esempio un infortunio, una squalifica, etc…

Le dropping odds fittizie sono quelle che avvengono quando il motivo è ignoto o perlomeno non è pubblico. Come nei mercati finanziari, per esempio a Wall Street, anche nel mondo delle scommesse ci sono grossi investitori dotati di capitali notevoli che hanno la forza di movimentare le quote facendo investimenti di notevole portata. Questo in Italia non succede ma all’estero può capitare. Quando ci si trova in questa situazione si assiste ad un rapido calo della quota che improvvisamente viene scambiata a cifre più basse.

Sono giochi economici-commerciali molto più grandi di noi e quindi diciamo che per comprendere meglio come funziona il mondo del betting, questa info per noi non è necessaria e pertanto la possiamo tralasciare.

Dove trovale le dropping odds?

Esistono molti siti che offrono il servizio delle dropping odds come servizio gratuito ma il più conosciuto e tecnico credo che sia il servizio offerto dal sito BetExplorer.

Per trovare le quote calanti ti basterà seguire questi semplici passi:

  1. collegati al sito http://www.betexplorer.com/
  2. nel menù centrale in alto troverai la frase “Odds Movements”, perfetto cliccaci sopra.

dropping odds movements

  1. Una volta cliccato su “Odds Movements” ti si aprirà una tabella che ti mostra le quote che hanno subito un calo importante nelle ultime 12 ore. Se vuoi avere un informazione più precisa su una determinata dropping odds ti basterà selezionare la data che ti interessa su “Matches for” e selezionare poi la percentuale di drop che vuoi andare a controllare con il menù a tendina “Dropping bookies”.

dropping odds tabella

 

Strategia d’investimento sulle dropping odds

Il mondo degli scommettitori qui si divide in due parti. C’è chi dice che le dropping odds sono utilissime per produrre profitto e chi invece ritiene che siano ininfluenti. Personalmente è un settore in cui non mi sono mai cimentato perché la mia specialità sono e rimangono le value bet con handicap asitatico.

Certo, nella costruzione della mia strategia prendo in considerazione una dropping odds di un Asian Handicap ma mi faccio guidare sempre dalla mia analisi e dalla mia esperienza e non dal calo della quota.

Alcuni scommettitori invece scommettono a tappeto (su tutte) le quote calanti che trovano perché secondo loro se una quota cala di molto significa che le percentuali di vittoria aumentano. Ok è vero, ma questo dato da solo non è sintomo di certezza di vittoria.

Quindi secondo me il dato delle dropping odds non deve essere il dato trainante della tua strategia ma più che altro deve essere un’informazione in più, utile a gestire al meglio la tecnica che utilizzi.

Ricorda quindi quello che ti dicevo prima…

Secondo alcuni pseudo scommettitori le dropping odds dovrebbero essere collegate a misteriose informazioni interne su un risultato di partita o di un fatto di ultimo minuto o peggio ancora di partite vendute e molti considerano questo dato cruciale per la loro strategia.

La maggior parte delle volte invece, è semplicemente solo la reazione del bookmaker al notevole flusso di cassa ricevuto in poco tempo in una direzione specifica oppure c’è anche la possibilità che le stime delle quote iniziali di una determinata partita siano errate perché troppo in anticipo e perché non tenevano conto di alcuni fattori importanti.

Quando prendere in cosiderazione un calo di quote?

Quando si analizza l’odds dropping, uno dei fattori più importanti da tenere in considerazione è il numero di bookmakers che ha effettuato il calo della quota. Tendenzialmente siamo di fronte ad un vero dropping odds 1×2 quando le quote sono variate su oltre il 70% delle scommesse disponibili di tutti i bookmakers. In questo caso siamo di fronte ad un movimento globale di quote calcio (dropping odds soccer).

Droppingodds interessanti avvengono su diversi scambi di quote ma, quale deve essere la variazione utile per iniziare a valutare un calo di quota? Le quote potrebbero scendere da 1,80 a 1,65, da 3,00 a 2,80 o dalle 20,00 alle 15,00 ma quale cambiamento bisogna tener presente?  Personalmente ritengo che un cambio di quota per essere ritenuto dropping odds debba avere un calo almeno del 20% del totale. Alcuni miei colleghi scendono fino al 15% ma personalmente ritengo che il 20% sia un miglior campanello di allarme.

Chi influenza il mercato delle quote?

I più importanti bookmakers che hanno il potere di influenzare le quote di tutti gli altri book sono sicuramente  Betfair e Pinnacle che nel tempo hanno costruito una reputazione importante per i professionisti del settore.

Quando uno di questi due siti effettua un calo di quote, molto probabilmente anche tutti gli altri siti di scommesse seguono le indicazioni e adeguano a loro volta le quote. Il loro modello di business “bettor friendly” attrae i professionisti del settore e questo permette di massimizzare i profitti sul lungo periodo.

Tutti gli altri bookmakers, sono diciamo così “inseguitori” dei due leader di settore e per questo ricevono quantità di denaro inferiore per la totalità degli investimenti. Per questo, una loro variazione di quote (di questi ultimi) non ci deve far pensare incautamente, di trovarci di fronte ad una dropping odds. Quello che è importante fare, è tenere sempre in considerazione i primi due book.

Per fare questo possiamo farci aiutare per esempio da un sito italiano che si chiama Quote Betting Exchange che prende in considerazione la variazione di quote degli incontri sul mercato dell’exchange di Betfair (dropping odds betfair) e ci permette di effettuare un ulteriore controllo del cambio di quote sui classici book, comparandoli con il mercato dell’exchange.

Nell’exchange le quote di mercato non sono gestite dal book ma dall’insieme di domanda/offerta dei vari scommettitori e pertanto se abbiamo una variazione di quota nei classici book dobbiamo confrontarla con la stessa partita nel mercato dell’exchange per valutare se il cambio di quota è reale o è soltanto un cambio economico di assetto commerciale del book.

Prendiamo per esempio la partita di Coppa Italia tra Palermo e Virtus Villafranca.

Apriamo BetExplorer e notiamo che il Villafranca ha avuto una dropping odds superiore al 20%, (22% per la precisione) ovvero è passata da una quota del 18.62 ad una quota del 14.60

dropping odds esempio

Certo, sappiamo bene che il Palermo in questo caso è favorito ma dobbiamo cercare di capire perché il Villafranca ha un po’ più possibilità di prima. Come abbiamo visto potrebbe essere semplicemente perché molti scommettitori hanno scommesso sul Villafranca perché la quota è talmente alta che è appetibile per una “pazzia”…tipo gli scommettitori della domenica.

Oppure la quota è scesa perché è successo qualcosa di negativo al Palermo. Per essere sicuri di questo andiamo su Quote Betting Exchange e facciamo la controprova con la stessa partita in questione.

esempio dropping odds 1

In questo preciso momento (mancano 610 minuti ad inizio partita come si vede dal grafico), notiamo che nell’exchange non c’è stata nessuna droppingodds sulla quota del Francavilla, anzi come di consuetudine per l’exchange, appena il mercato è aperto (in questo caso fino a 1710 minuti da inizio partita) le squadre hanno quasi le stesse quote perché sono gli scommettitori a definire il valore di esse e successivamente si bilanciano mostrando il Palermo (riga arancione) come favorito e portando il Villafranca (riga verde) fino a quasi quota 15.

In questo caso quindi non c’è stato nessun dropping odds reale, questo significa che probabilmente il bookmaker iniziale, aveva semplicemente sbagliato la quota di uscita sul mercato definendo la quota 18.62 troppo alta.

Questo è un po’ tutto quello che c’è da sapere sul calo delle quote e se vuoi conoscere ancora meglio il mondo del betting professionistico ti invito a scaricare l’ebook di seguito.

Scarica la guida gratuita


guadagna con le scommesse

.

Grazie a questa guida imparerai a gestire i tuoi capitali in maniera corretta, scoprirai come funziona il mondo delle scommesse online e riuscirai a creare una rendita di €1.000 al mese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei − quattro =