Diverse strategie di monetizzazione di Mayweather e Pacquiao

boxe scommessa

Floyd Mayweather e Manny Pacquiao, si sono affrontati il 2 maggio 2015 nel più grande incontro di boxe degli ultimi due decenni e tutti siamo a conoscenza dell’esito finale ma in questo articolo voglio parlare della creazione e del successo del loro personal branding. I loro nomi sono un vero e proprio marchio personale anche se il successo, è arrivato però con strategie molto diverse. Il percorso imprenditoriale di ognuno di loro è stato sostanzialmente diverso.

Floyd Mayweather

1. Testa bassa e lavorare.  Non è facile, in ogni settore, compiere la stessa attività per quasi 20 anni e non avere mai un fallimento, una sconfitta. Mayweather ci è riuscito con il suo record di 47-0 (47 vittorie e 0 sconfitte). Il raggiungimento di questo obiettivo è dato dal fatto che Mayweather è un grande lavoratore instancabile. E’ conosciuto come uno dei pugili che si applicano più duramente in questo sport. Ci sono state innumerevoli storie nella boxe in cui un campione ha smesso di lavorare sulla preparazione e nel momento dell’incontro con un avversario scadente, è stato imbarazzato. Mayweather non si è mai messo in quella situazione. Lui è instancabile nel suo allenamento ed è veramente ossessionato dal suo lavoro. Questo tipo di impegno non può non dare grandi risultati.

2. Essere selettivi.  Mayweather ha sempre scelto con attenzione i propri avversari. Una sua abilità è stata anche questa, cercare di capire il proprio avversario, le sue qualità e i punti di debolezza. Hai presente come fa il serpente quando deve mangiare una preda? Si mette di fianco alla preda, la misura e se pensa che ci starà nel suo stomaco, allora la mangia. Gli prende le misure. Mayweather ha fatto esattamente così nella sua carriera. Questa strategia può sembrare magari un po’ “codarda” da qualcuno perché in questo modo si evitano dei pugili magari più “duri” ma d’altra parte, ha creato un marchio (personal brand) che fattura milioni di dollari grazie al suo slogan “Il pugile in vita che non ha mai perso”. La scelta di avversari più ragionevoli è la stessa che puoi fare anche tu nel lavoro di tutti i giorni. Devi essere selettivo, scegliere il giusto mercato e la migliore strategia di.

3. Costruisci il tuo marchio.  Da quando Mayweather è apparso in una serie televisiva del 2007 su HBO Boxing ha fatto tutto il possibile per farsi riconoscere come il nuovo talento della boxe. In successione è apparso in molti programmi televisivi, è stato (ed è) presente sui social media ed ha fatto un sacco di interviste per mantenere sempre il suo nome sulla bocca di tutti. Queste sono esattamente le stesse cose che un imprenditore di talento deve fare per sviluppare il proprio marchio personale. Per questo Mayweather si è guadagnato soprannomi memorabili come Pretty Boy Floyd e Money Mayweather costruendo alla perfezione il suo brand.

Manny Pacquiao

1. Essere autentico.  Una delle cose che la gente ama di Pacquiao è che sembra sinceramente simpatico. E’ apparso in diversi film e album musicali registrati per il mercato filippino dimostrando così che il pubblico lo ama abbastanza per seguire il suo marchio anche lontano dalla boxe. La gran parte di questo successo è da affidare alla sua autenticità. Quando è lontano dal ring lo vedi quasi sempre sorridente e combinando il suo talento nella boxe con quella sorta di personaggio simpatico si ha la chiave nel successo del seguito di un marchio.

2. Prendere il meglio.  Se Mayweather spesso evita di combattere contro i migliori talenti del settore, Pacquiao invece fa esattamente il contrario e abbraccia i combattenti più duri. Un incontro nel 2003 contro Juan Manuel Marquez si è concluso con un pareggio, e per esempio, Pacquiao ha insistito per creare un rematch entro cinque anni ed ovviamente ha vinto la seconda volta. Ha battuto i più grandi pugili del suo tempo da Oscar De la Hoya a Ricky Hatton e lui stesso ha detto che non fuggirà da un altro match con Mayweather. Prima abbiamo visto come Mayweather domina il suo mercato di riferimento ed è sempre attento a non combattere contro “prede” più grandi, qui invece Pacquiao sente che è forte (brand potente) ed è pronto ad affrontare il mondo.

3. Essere globali.  La boxe è uno dei pochi sport popolari a livello internazionale, così come Pacquiao è amato nelle Filippine, il suo paese d’origine, anche i fan di tutto il mondo dimostrano di amarlo allo stesso modo. Questo è il risultato di una strategia basata sulla progettazione. Ovviamente ci sono più consumatori in tutto il mondo che quelli nelle Filippine o solo negli Stati Uniti. E ‘semplicemente una questione di numeri, più gente può raggiungere un marchio e più potenziale c’è di crescita.

Mentre diventare il più grande in qualsiasi campo può rivelarsi difficile, gli esempi dati da queste due (molto diverse) superstar della boxe,  possono essere applicati alle imprese moderne. Gli imprenditori sono imprenditori, a prescindere dal loro campo, e questi due uomini hanno capito come giocare la partita del business e guadagnare davvero.

Favorito dell’incontro…ovviamente Mayweather!

.

Scarica la guida gratuita


guadagna con le scommesse

.

Grazie a questa guida imparerai a gestire i tuoi capitali in maniera corretta, scoprirai come funziona il mondo delle scommesse online e riuscirai a creare una rendita di €1.000 al mese.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =