Aziende milionarie nate nei garage

Spesso pensiamo che l’unico modo per creare un buon business è avere una grande quantità di soldi da investire. In poche parole, se non abbiamo nulla siamo “spacciati” e destinati a rimanere sempre nello stesso posto a fare lo stesso lavoro fino alla pensione. Ti è mai capitato di pensarla così? Probabilmente sì e questo è all’incirca il modo in cui ci la società ci ha abituati a pensare. Si tratta di limiti che ci vengono impostati fin da piccoli e che ci tramandiamo di generazione in generazione. Tuttavia, nel mondo esistono tante aziende nate nei garage, che adesso sono diventate industrie e società che fatturano milioni di dollari ogni anno. Sai cosa significa questo? Vuol dire che l’eccezione esiste. Basta volerla creare. Una volta presa la decisione verso la svolta si possono fare i primi passi, anche senza avere in tasca tanti soldi da investire. Certamente, detta così sembra solo una speranzosa supposizione, ma in realtà ci sono le prove! Ecco alcune storie che potranno convincerti che anche un’azienda milionaria può aver fatto i primi passi sul mercato partendo da un misero garage (o comunque da zero!), mentre adesso ha enormi sedi in tutto il mondo…

Garage Amazone

Amazon

Iniziamo da un colosso del commercio online: Amazon. Quest’azienda è stato fondata nel 1994 da Jeff Bezos. All’inizio era solamente una libreria online poco conosciuta e la sua sede offline era un semplice garage a Bellevue (Washington). Amazon ha venduto il suo primo libro solamente a luglio del 1995, ma attualmente è il più famoso e-commerce del mondo. Vende di tutto, guadagna milioni di dollari all’anno e non è mai a corto di novità e nuove idee.

Garage Apple

Apple

Parlando di un altro garage, ci viene in mente anche Apple. Nel 1976, il poco più che ventenne Steve Jobs, insieme a Steve Wozniak realizzarono i primi 50 computer, che vennero assemblati manualmente in un garage a Cupertino (California). Vogliamo parlare di quanto fattura adesso la Apple?

Garage Disney

Disney

Direi che non possiamo neanche fare i conti, ma piuttosto possiamo passare a un altro promettente garage: quello della Disney. Si trova a meno di un’ora da Disneyland Park di Anaheim, sempre in California. Il signor Disney è partito da lì, con pochi dollari in tasca, ma è riuscito a dar vita ad “Alice nel Paese delle Meraviglie” e da quel momento non ha più smesso di fare successo.

Garage Google

Google

Sorprendente, non è vero? Certamente sì, ma c’è un’azienda che ti sorprenderà ancora di più: Google. Il motore di ricerca, nonché una delle aziende attualmente più ricche del mondo, è nato in un garage in California. Larry Page e Sergey Brin iniziarono a creare Google nel settembre 1998. Tuttavia, andando a scuola, avevano poco tempo per mandare avanti il loro progetto. Così provarono a venderlo a Excite per l’interessante cifra di un milione di dollari. I proprietari dell’azienda rifiutarono… e probabilmente adesso si stanno mangiando le mani: Google è il sito più visitato al mondo.

Garage Harley Davidson

Harley Davidson

Un’altra azienda milionaria nata non da un semplice garage ma da una casetta di legno è la Harley-Davidson. Nel 1901, il ventunenne William S. Harley iniziò a lavorare con l’intento di creare un piccolo motore per le biciclette. In due anni, Harley e il suo amico Arthur Davidson costruirono la loro prima motocicletta e fondarono ufficialmente la loro società. Dalla casetta a Milwaukee (Wisconsin), adesso Harley-Davidson è l’azienda motociclistica più famosa al mondo.

Garage Hewlett Packard

Hewlett Packard

Parlando ancora di computer, è utile che tu sappia che nel 1939, Bill Hewlett e Dave Packard fondarono HP. Ma dove la fondarono? A Palo Alto, nel garage di Packard. Un piccolo investimento di 538$ per questo spazio bastò per iniziare a costruire il loro primo prodotto: un oscillatore audio. Uno dei loro primi clienti fu proprio la Disney, che con otto pezzi sviluppò il sistema audio per il film “Fantasia”. Dal garage di Palo Alto, oggi HP è una leader nel settore informatico.

Queste storie motivano e fanno pensare che in realtà ognuno di noi può iniziare dal punto in cui si trova, senza dover effettuare grandi investimenti. Il bello è che ce ne sono anche altre di aziende milionarie nate in un garage, come la Lotus Cars e la Mattel. Ad oggi, bisogna anche dire che con internet è tutto molto più semplice. Ad esempio possiamo decidere di aprire un e-commerce con pochi euro (o anche nulla) e vendere i nostri prodotti: quel piccolo negozio virtuale può decisamente diventare una grande azienda… Lo abbiamo visto con Amazon! Anche questi brand hanno aspettato anni per ottenere il vero successo, ma ce l’hanno fatta partendo da zero.

Praticamente moltissime aziende che oggi sono diventate milionarie hanno umili origini. Pertanto, se hai un’idea e una passione, non la lasciare nel cassetto, ma inizia dal tuo garage, dalla tua cantina, dalla tua camera. Non importa dove e come inizi, come hanno fatto tutte queste persone, puoi farcela anche tu.

.

 

Categorie: InvestimentiStartup

0 commenti su “Aziende milionarie nate nel garage”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 − 6 =

Iscriviti per commentare


Articoli correlati

Investimenti

Come raddoppiare il capitale in 3 mesi

Oggi voglio parlarti di una mia esperienza diretta con il mondo degli investimenti sportivi. Un’esperienza che mi ha aperto gli occhi sul mondo del betting professionistico e sul mondo degli investimenti corretti. Investire in immobili Leggi tutto&ellip;

Investimenti

Perché è importante investire i propri soldi?

Investire i propri soldi vuol dire cercare di creare un guadagno attraverso metodi più o meno sicuri, in grado di fornire possibilità a tutti coloro che intendono operare questa scelta. La domanda però sorge spontanea: Leggi tutto&ellip;

Investimenti

Investimenti efficaci per produrre profitto

Investimenti efficaci questi sconosciuti… In Italia siamo tutti esperti di Serie A, esperti di politica, esperti di Gossip, ma poche persone conoscono la vera arte degli investimenti. Sicuramente parte di questa “colpa” è data dalla Leggi tutto&ellip;